Italia: Il Ministero dei Trasporti sostiene lo spiegamento del pionieristico traghetto GNL

/Italia: Il Ministero dei Trasporti sostiene lo spiegamento del pionieristico traghetto GNL

Italia: Il Ministero dei Trasporti sostiene lo spiegamento del pionieristico traghetto GNL

Recentemente il Gruppo Caronte & Tourist ha organizzato la cerimonia di consegna del piccolo ro-pax “Elio”, il primo traghetto LNG eco-compatibile a navigare nel Mediterraneo, a Messina (Italia). L’iniziativa fa parte dell’attività promossa dal Ministero dei Trasporti italiano (MIT) nell’ambito del progetto GAINN4MOS. Il MIT ha coordinato l’elaborazione degli studi di ingegneria di base e di dettaglio della nave.

Gli studi hanno incluso anche tutti quegli aspetti nuovi che devono essere adattati, migliorati e messi a punto in base all’uso del GNL come carburante (come le competenze e le esigenze di formazione). Dopo aver completato gli studi di ingegneria, il prototipo di questa nave è stato costruito nel cantiere navale di Sefine ed è stato consegnato nell’ottobre 2018. Questa nave, di proprietà di Caronte & Tourist, sarà pilotata in operazioni reali nello Stretto di Messina, che collegherà la Sicilia e l’Italia continentale.

“Elio” è un traghetto a 7 ponti a doppio binario progettato per operare in aree di classe D della UE in grado di trasportare passeggeri, auto private, camion e rimorchi. Le dimensioni principali (LxBxT) della nave sono 133,6 x 21,5 x 4,5 x 4,5 e ha una capacità massima di 290 auto private, 1500 persone e 35 camion. I motori principali sono a doppio carburante (6L34DF) progettati da Wartsila con una potenza totale di 9.000 kW. La capacità dei serbatoi di GNL è di circa 150 metri cubi. Le velocità di servizio e le velocità massime sono rispettivamente di 12,5 e 15 nodi. La nave è battente bandiera italiana e il RINA l’ha classificata con notazione Gas Fueled (IGF compliant).

Questa è solo una delle pietre miliari del progetto GAINN4MOS, finanziato dal Connecting Europe Facility Program (CEF), che mira a migliorare la rete delle Autostrade del Mare in 6 Stati membri (Spagna, Francia, Croazia, Italia, Portogallo e Slovenia), realizzando studi di ingegneria su retrofitting e/o nuove costruzioni, infrastrutture portuali di GNL e stazioni di rifornimento durante i progetti pilota.

Fonte: GAINN Projects/ngvjournal.com

By |2018-12-20T14:30:49+02:00Dicembre 18th, 2018|Senza categoria|0 Comments

Leave A Comment

Powered by WishList Member - Membership Software