Con decreto distrettuale del 12 agosto 2019, l’amministrazione ha esentato i taxi intelligenti a propulsione esclusivamente elettrica o a metano, con l’obiettivo di incoraggiare la mobilità sostenibile a Bogotá. Questa decisione punta a mitigare la congestione del traffico nelle aree urbane durante le ore di punta.

“Con questa decisione vogliamo incoraggiare la transizione verso un servizio taxi che utilizza piattaforme tecnologiche ed energie sostenibili dal punto di vista ambientale. Fare questo annuncio ora ci dà più ragioni per continuare a migliorare la qualità del servizio in città, scopo dell’amministrazione del sindaco Enrique Peñalosa fin dall’inizio”, ha detto il segretario del distretto di mobilità, Juan Pablo Bocarejo .

Affinché un taxi sia esentato dalla restrizione “Pico y Placa”, che opera dal lunedì al sabato tra le 5:30 e le 21:00, a seconda dell’ultima cifra della targa, deve essere iscritto al Registro del distretto automobilistico (RDA) con un motore a metano dedicato o con propulsione esclusivamente elettrica.

D’altro canto, deve aver implementato la o le piattaforme tecnologiche in conformità con le disposizioni dei decreti distrettuali 456 e 568 del 2017. In base a ciò, l’uso delle piattaforme tecnologiche ha un impatto positivo sulla mobilità urbana, in quanto cercano percorsi che contribuiscono a ridurre i tempi di percorrenza di tutti gli utenti della rete stradale. Inoltre, l’auto deve essere registrata nel Driver Information and Registration System (SIRC) con un metodo di tariffazione della piattaforma tecnologica.

Con questa misura eccezionle, il numero di veicoli di servizio pubblico della città dotati di piattaforme tecnologiche e guidati da tecnologie pulite è destinato ad aumentare in futuro. La riduzione delle esternalità negative generate da ogni taxi in funzione produrrà un effetto globale come la riduzione generale della congestione, dell’inquinamento e del tasso di incidenti, migliorando lo scenario attuale.

Fonte: District Mobility Secretariat of Bogotá/ngvjournal.com