Un modo sostenibile per scoprire una regione che accoglie sette luoghi Patrimonio dell’Umanità, guidando attraverso lo splendido paesaggio toscano con un’auto alimentata a gas naturale. 360 chilometri dalla città rinascimentale di Firenze al paradiso naturale della laguna di Orbetello con solo 15 euro di carburante per un viaggio indimenticabile.

Una camera con vista: questo classico del cinema ci ha regalato una finestra aperta sulla splendida città di Firenze, culla del Rinascimento e Patrimonio dell’Umanità stupenda in ogni angolo del suo centro storico, da Piazza del Duomo al Ponte Vecchio, uno dei ponti medievali più belli del mondo. Ci dirigiamo verso la periferia della città verso il Piazzale Michelangelo a bordo di una SEAT Arona TGI per godere di una delle migliori viste panoramiche della città, e da lì partiamo verso sud-ovest.

Sotto il sole della Toscana: a 60 chilometri di distanza ci troviamo a San Gimignano, conosciuta anche come la Manhattan medievale per il suo particolare profilo costituito da 13 torri duecentesche. Si tratta di un altro patrimonio dell’umanità che conserva ancora oggi la sua atmosfera feudale. La Seat Arona TGI ha un’autonomia di 360 chilometri in modalità CNG e ci basta una sola sosta per il rifornimento. L’Italia è il paese europeo con la più alta implementazione di infrastrutture per il GNC, con più di 1.300 stazioni di rifornimento e prevede di aumentare questo numero nei prossimi anni.

Un paradiso dei gladiatori: Il nostro viaggio ci porta in Val d’Orcia, dove vigneti, cipressi e castagneti riempiono un paesaggio che ha sedotto Ridley Scott stesso. Qui ha girato le scene del Gladiatore dove Maximus sogna di tornare a casa. A 70 chilometri lungo la strada si raggiunge Asciano, il cuore delle Crete Senesi, le cui peculiari formazioni geologiche di argilla grigia hanno molte similitudini con i materiali lunari. È un viaggio su strade secondarie più adatte al piacere di guida che al raggiungimento di una destinazione specifica. E il design del SUV più piccolo della gamma SEAT è ideale per questo, per la stabilità e la compostezza trasmessa dalle ruote posteriori, soprattutto nelle curve strette come quelle di questa valle, e per la sua agilità.

Sogno di una notte di mezza estate: in onore di questo film, tratto dallo spettacolo teatrale di William Shakespeare, passiamo la notte a Montepulciano, location nella quale è stato girato. Partiamo di nuovo la mattina successiva dopo aver riposto tutti i nostri bagagli velocemente e facilmente nello stivale da 282 litri della SEDE Arona TGI verso la cima della collina, che un tempo fu occupata da etruschi e romani e successivamente attirò umanisti e potenti nobili del XVI secolo che commissionarono gemme architettoniche come la Piazza Grande o il Palazzo Comunale.

La vita è bella: a poco più di 20 chilometri, San Quirico d’Orcia è un borgo murato e i suoi punti di ingresso più spettacolari sono la Porta dei Capuccini e la Porta Nuova. Dispone anche di un delizioso giardino, gli Horti Leonini. Siamo ora nel cuore della valle, che è più mozzafiato di quanto non si possa immaginare. Con un veicolo a metano, le emissioni di CO2 sono ridotte del 25% rispetto alla benzina, quindi è un modo molto più ecologico di esplorare questo patrimonio dell’umanità e visitare Arezzo, ad esempio, dove è stato girato il capolavoro di Roberto Benigni.

Un tramonto in Toscana: ora raggiungiamo Orbetello dopo aver percorso gli ultimi 114 chilometri del nostro viaggio. La sua laguna è uno dei luoghi più incontaminati di tutta Italia. Situata su una significativa rotta migratoria, è il luogo di sosta di oltre 200 specie di uccelli che aggiungono una sfumatura colorata alla linea di costa. Una passeggiata serale nel paradiso toscano è il modo perfetto per concludere una vacanza straordinaria dopo 360 chilometri di guida e con soli 14,96 euro di carburante, il 50% in meno che se avessimo guidato un’auto a benzina.

Il carburante usato con la SEAT Arona TGI:

Fino 360 km di autonomia

13,8 kg di CNG

14,96 euro spesi

50% risparmio rispetto all’uso di un veicolo a benzina

25% in meno di emission di CO2 emesse

Fonte: SEAT/ngvjournal.com