Volkswagen Group Logistics è la prima azienda ad utilizzare due trasportatori alimentati a GNL per le tratte estere. Entrambe le navi charter di Siem Car Carriers, che sono state recentemente varate a Xiamen, in Cina, sostituiranno due delle nove navi da carico convenzionali a olio pesante attualmente utilizzate dalla logistica del gruppo sull’Atlantico tra Europa e Nord America. La SIEM CONFUCIUS sarà integrata in questo servizio a partire da gennaio 2020 dopo il trasferimento dall’Asia all’Europa. La seconda nave, la SIEM ARISTOTLE, entrerà in servizio nella primavera del 2020 nella stessa area.

“Stiamo entrando in questo nuovo settore per ridurre le emissioni. Entrambe le navi sono le prime trasportatrici auto d’oltremare al mondo ad essere alimentate a GNL. Oltre al crescente utilizzo di autocarri GNL, alla conversione dei nostri numerosi trasporti ferroviari all’elettricità verde e all’impiego di biocarburanti nel segmento dei trasporti marittimi a corto raggio, le due nuove navi GNL rappresentano un importante tassello per il nostro obiettivo strategico di una logistica a impatto zero”, ha dichiarato Thomas Zernechel, responsabile della logistica del Gruppo.

Le due navi tecnologicamente avanzate, ciascuna lunga 200 metri e larga 38 metri, hanno 13 ponti auto e una capacità di 7.500 RT, che corrisponde a circa 4.700 veicoli del mix di modelli del Gruppo Volkswagen. Finora sono state costruite solo poche navi più piccole per il trasporto di carichi rollio con propulsione a GNL per il traffico a breve raggio; per le spedizioni di veicoli all’estero, la logistica del Gruppo è pioniera per questo tipo di propulsione.

Entrambi i veicoli sono azionati da un motore marino a doppio carburante da 12.600 kW con iniezione diretta e trattamento dei gas di scarico di MAN Energy Solutions del Gruppo Volkswagen. Oltre al gas naturale liquido e surgelato, possono essere utilizzati anche con gas e-gas ecologico prodotto tramite Power-to-X o biogas. In modalità eco-velocità, le navi operano a 16,5 nodi (30,6 km/h). Con i loro due serbatoi da 1.800 metri cubi ciascuno, i trasportatori hanno una capacità e una portata simili a quelle delle tradizionali navi mercantili pesanti a propulsione petrolifera.

“Crediamo che il passaggio al GNL come combustibile per uso marittimo sia la base più importante per una rivoluzione energetica marittima”, ha commentato Uwe Lauber, CEO MAN Energy Solutions. In una seconda fase, le navi a gas possono essere utilizzate con combustibili sintetici e neutri dal punto di vista climatico e sono quindi a prova di futuro”, ha commentato Uwe Lauber, CEO di MAN Energy Solutions. Con questo progetto, Volkswagen è all’avanguardia nella decarbonizzazione dei flussi commerciali globali”.

Fonte: Volkswagen Group/ngvjournal.com