Come la Commissione Europea ha sottolineato più volte, e sulla base di studi basati su più fonti, il gas naturale nel settore dei trasporti è pronto a svolgere il suo ruolo di catalizzatore essenziale per la transizione a zero emissioni nette nel 2050. I fenomeni legati al cambiamento climatico e la protezione del nostro ambiente, a partire dalla qualità dell'aria e dell'acqua, sono al centro di un'intensa agenda per la prossima legislatura. Dobbiamo avviare un processo evolutivo in cui la dimensione industriale, economica, sociale e culturale sarà fortemente coinvolta. Trovare la giusta orchestrazione è una delle sfide più grandi e senza precedenti per i cosiddetti policy maker.

È giunto il momento di considerare tutte le nuove fonti di energia e di guardare al futuro modello di mobilità che soddisferà le nostre esigenze impellenti. Dobbiamo agire in un quadro di emissioni nette pari a zero, seguendo una tabella di marcia realistica e scegliendo possibili soluzioni esistenti già oggi.

Come dare forma al nostro futuro sistema di trasporto

A novembre, in occasione dell'evento di lancio di World Energy Outlook 2019, il Dr. Fatih Birol, Direttore Esecutivo dell'Agenzia Internazionale per l'Energia, ha dichiarato: “Non abbiamo il tempo e il privilegio di scegliere chi saranno i vincitori. Tutte le tecnologie dovranno avere un ruolo nella transizione verso la neutralità del carbonio”.

Partendo da queste parole, le esigenze dei clienti non possono essere dimenticate. Le soluzioni devono coprire la mobilità personale nelle aree urbane e il trasporto merci su lunghe tratte. Per diffondersi nel mercato, devono essere convenienti, competitive dal punto di vista dei costi e facilmente accessibili. In altri termini, sfruttando le infrastrutture già esistenti, garantendo la competitività e i vantaggi ambientali, rispondendo ai più severi requisiti in termini di riduzione delle sostanze inquinanti e delle emissioni di CO2.

La tecnologia basata sul gas naturale come abilitatore per una mobilità senza emissioni di carbonio

La tecnologia dei veicoli a gas combina esattamente queste caratteristiche con un'ampia gamma di soluzioni: fornendo una mobilità a zero emissioni di carbonio dalle autovetture a metano ad alta efficienza con capacità di stoccaggio ottimizzata a bordo, ad un portafoglio esteso di veicoli pesanti. Anche gli autobus urbani e i pullman sono disponibili con GNL, mentre i camion offrono le stesse prestazioni dei loro omologhi diesel, anche in termini di gamma di veicoli, offrendo una riduzione delle emissioni di CO2 fino al 20%. Attualmente, sono disponibili oltre 68 modelli originali a gas in tutta Europa.

Il presidente eletto Ursula von der Leyen: un chiaro sostegno al gas nel settore dei trasporti

Già a settembre, la Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha espresso nella sua lettera a Kadri Simson, Commissario per l'Energia, il suo sostegno al GNL: “Il gas avrà un ruolo nella transizione verso un'economia a zero emissioni di carbonio, in particolare attraverso la cattura e lo stoccaggio del carbonio. Valuterà come diversificare le fonti di approvvigionamento a prezzi competitivi, in particolare sfruttando appieno il potenziale del gas naturale liquefatto a prezzi accessibili”.

Il GNL offre la flessibilità e l'affidabilità energetica di cui abbiamo bisogno, consentendo l'integrazione di energia rinnovabile intermittente e fornendo l'accesso a un'energia a prezzi accessibili. La densità energetica del combustibile e l'adeguato sviluppo dell'infrastruttura di distribuzione del combustibile sono fattori chiave per garantire la flessibilità di cui hanno bisogno le operazioni logistiche. Con questo, il GNL è adatto a soddisfrare anche altri settori come quello marittimo e ferroviario, sostenendo così un sistema di trasporto multimodale sostenibile nel suo complesso.

Andare ancora più lontano con i gas rinnovabili

Per alimentare questa flotta e per ridurre ulteriormente la sua impronta di carbonio, accelerando così il processo di decarbonizzazione, si può facilmente utilizzare il biometano (gas rinnovabile). Le infrastrutture e i veicoli a gas naturale sono pienamente compatibili con il gas rinnovabile, senza costi aggiuntivi. Attraverso il gas rinnovabile proveniente dai rifiuti urbani o dai percorsi di produzione Power-to-Gas, si ottengono emissioni di gas serra vicine allo zero. In un recente studio del Centre on Regulation in Europe (CERRE), è stato stimato un potenziale di produzione di 124 miliardi di metri cubi di gas rinnovabile a livello europeo.

La Natural & bio Gas Vehicle Association (NGVA Europe) stima che l'attuale flotta di veicoli alimentati a gas naturale di 1,4 milioni di veicoli crescerà a circa 13 milioni entro il 2030. Mentre oggi questa flotta consuma 2 miliardi di metri cubi di gas naturale, l'associazione prevede che saranno necessari circa 9 miliardi di metri cubi di gas rinnovabile per alimentare la flotta del 2030 in tutta Europa.

La flessibilità del sistema, dalle infrastrutture ai motori, rende il gas naturale una tecnologia a prova di futuro. I gas rinnovabili provenienti da varie fonti, possono essere miscelati e utilizzati come carburante per veicoli a qualsiasi quota. L'adattabilità è funzionale non solo alle esigenze del mercato, ma anche alla fluttuazione della produzione di energie rinnovabili in quanto il metano sintetico prodotto dall'eccedenza di elettricità rinnovabile offre un'elevata capacità di immagazzinare energia nella rete esistente.

Economia circolare: emissioni di carbonio nette a zero nei trasporti

Il gas naturale fornisce un ponte verso un'economia circolare basata sulla generazione di energia dai rifiuti, come il biometano. L'economia circolare è “la priorità numero uno” per l'European Green Deal. E il gas rinnovabile è pronto a dare l'esempio. Oltre all'accoppiamento settoriale, offre un'integrazione settoriale con i settori della gestione dei rifiuti e dell'agricoltura.

Consente un approccio intelligente al trattamento dei materiali di scarto, che altrimenti sarebbero stati smaltiti, con tutte le conseguenti emissioni. Mentre si genera energia sostenibile, si producono anche sottoprodotti di alta qualità come il bio-fertilizzante. Infatti, il cosiddetto biometano “fatto bene” (che viene generato dai rifiuti urbani, dal letame o dai rifiuti agricoli), ha un bilancio di CO2 “well-to-wheel” (dal pozzo alla ruota) in cima a qualsiasi fonte di energia attualmente conosciuta nell'industria automobilistica.

I gas naturali e rinnovabili sono un tassello “naturale” del New Deal verde europeo e un modo semplice e veloce per completare un sistema complesso che cambierà gradualmente il modo di muoversi e di trasportare i carichi in tutto il mondo. Riconoscere il loro ruolo per la decarbonizzazione dei trasporti nella futura revisione delle misure legislative è il modo migliore per creare un sistema sicuro, protetto, sostenibile ed efficiente a favore della mobilità dei cittadini europei e della logistica delle aziende. E questo deve iniziare il più presto e velocemente possibile.

Quest’articolo è stato pubblicato il 15 gennaio su Euractiv.

Fonte: NGVA Europe/ngvjournal.com